Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

In arrivo l’app che riconosce la tosse da coronavirus Covid-19

In piena pandemia COVID-19 con SarsCoV2 e con l’attenzione sempre più rivolta alla scoperta di persone sintomatiche o asintomatiche contagiate da tale virus, tante sono le metodologie di analisi nate per combattere il nemico invisibile.
Sempre più spesso veniamo a conoscenza di come l’inteligenza artificiale aiuti l’uomo in svariati ambiti della propria vita; infatti sono state create macchine altamente evolute che con server potentissimi riescono ad affiancare le persone nel lavoro, nella salute, nello studio ed in tantissimi altri settori.
I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston, hanno sviluppato un algoritmo in grado di archiviare, catalogare ed analizzare il suono caratteristico della tosse da coronavirus che all’orecchio umano può essere normale e che invece, analizzato dall’inteligenza artificiale, riesce ad essere collegato alla sua origine.
Dopo numerosi test pubblicati dall’IEEE, Journal of Engineering in Medicine and Biology, che mostra una precisione pari al 100%, si prevede lo sviluppo di un App per smartphone che possa supportare lo screening di massa per il Covid-19.
Molti ricercatori sostengono che, lo sviluppo di tale tecnologia, puo aiutare il rallentamento del contagio da coronavirus.
Il sistema è stato, educato, con l’upload nell’algoritmo di migliaia di registrazioni audio di persone sane, asintomatiche o sintomatiche; analizzando gli audio inseriti per l’analisi, l’algoritmo ha identificato sia i sintomatici che gli asintomatici con una accuratezza quasi al 100%.
Basterà aprire l’app tossire ed attendere l’analisi effettuata dell’inteligenza artificiale.
L’app si aggiungerà ad altri strumenti tecnologici e non presenti per diagnosticare la malattia come il tampone, il test sierologico ed il saturimetro.

Ecco qui di seguito un esempio di registrazioni effettuate dal Massachusetts Institute of Technology (Mit) e che serviranno per allenare l’inteligenza artificiale dell’app che presto arriverà sugli store digitali.

Potrebbe anche interessarti...

×

Ciao!

Clicca qui sotto per parlare con me oppure invia una mail a  lucecreativastudio@gmail.com

× Contattami ora